Pugilato, judo e dintorni

Judo: sta terminando la stagione
Il Kodokan al raduno della nazionale di kata

Non si è ancora chiusa del tutto la stagione del Kodokan. Infatti Ilaria Sozzi e Marta Frittoli, per il Ju-no-kata e Andrea Sozzi e Antonio De Fazio, per il Nage-no-kata, sono stati convocati a Parma, dove si è tenuto il raduno della nazionale italiana di Kata, diretto dal maestro giapponese Shoji Sugiyama in vista delle convocazioni per i Campionati del Mondo in programma a Malta nel prossimo mese di ottobre.

E’ stato fatto un lungo confronto con gli arbitri internazionali presenti così da mettere a punto quelle esecuzioni che possono far sorgere interpretazioni dubbie nei giudici, anche sulla scorta delle esperienze delle passate competizioni. Lavoro faticoso e non facile ma che andrebbe ripetuto, impegni federali permettendolo.


Cliccate sulle testate per andare alle pagine per materia
Scriveteci le vostre opinioni di sport Email me!
Family
Judo: Campus Lunezia

Ancora un successo per l'iniziativa del Kodokan




Lezione di kata ame al centro di Bobbio

Il “Campus Lunezia” a Bobbio, organizzato dal Kodokan, è giunto all’appuntamento numero 16 e, come nelle passate stagioni, il successo si è ripetuto.

La politica di bloccare il numero dei partecipanti e del ridurne l’età si è rivelata vincente e ha facilitato, e di molto, i compiti dello staff dirigente.

Primo fra tutti la cucina, dove Ilaria Sozzi e Marta Frittoli si sono come al solito superate, fornendo a tutti il carburante necessario per svolgere le attività che impegnavano dal mattino alla sera. Diverse le ore sul tatami, a studiare Ju-no-kata e Katame-no-kata, ma anche tanto Trebbia, sempre affascinante, e poi disegno, musica, danze  etniche, gare varie, escursioni e infine, serata con i maghi Ivo e Bruno.

Tra gli ospiti, di spicco, Cesare Barioli, un’icona del Judo italiano e Pino Tesini, judoista leader della ricca e importante scuola ligure.

Una settimana dove si è cercato di far rivivere, anche se “ammorbidito”,lo spirito delle vecchie colonie.

Naturalmente  la confortevole Casa Vacanze del Don Orione, immersa nel verde, poco o nulla aveva a che vedere con le Scuole Elementari di Edolo o di Bratto della Presolana che, affittate e attrezzate alla meno peggio, ospitavano le colonie della parrocchia di S.Ilario, col m° Vittorino Barbieri in cabina di regìa e il m° Giancarlo Ghidini che faceva miracoli  per procurare vitto sufficiente…

Altri tempi !

Però a questi giovanissimi iperprotetti, già schiavi dell’elettronica e della televisione, con comode pensioni o alberghi a più stelle che li aspettano per le imminenti vacanze, un po’ di “università della strada” non ha potuto fare che bene !

 

 

Riunione pugilistica a Viadana

Vincono Avosani e Nickolskji



Un destro di Avosani parzialmente parato da Agosti


Il pugilato è tornato a Viadana a due sole settimane di diostanza dalla riunione allestita allo Stadio Del Rugby. Teatro della manifestazione, stavolta, la piscina comunale. Clou affidato a Massimo Avosani, pugile di casa, che non ha affatto deluso le aspettative superando in un co nfronto ricco di spunti appassionanti il bergamasco Agosti, di qualche anno più anziano, ma meno navigato sul piano ell'esperienza. Buono in generale il livello della manifestazione e in evidenza soprattutto il medio Nickolskji, il superwelter bergamasco Riccio.

Pesi Medi: Di Gangi (Boxe Mantova) batte Zanotti (AB Cremona) ai punti. Zanotti rientra dopo cinque anni di attiovità. Logico che un po' di ruggine si faccia sentire nei suoi muscoli. Inizia senza forzare e infatti il mantovano si aggiudica leggermente la prima ripresa grzie qualchew sinistro più accennato che affondato, ma pian piano il cremonese ccelera e nel secondo round recupera il terreno perduto. La sua zione si fa pesante nel terzo round che Di gangi chiude a fatica sballottato da una parte all'altra del ring. Quarto round condotto ancora da Zanotti all'arrembaggio. Stavolta il mantovano si difende un po' meglio, ma inxassa altri colpi efficaci. Il verdetto, però, è dalla sua parte!.




Una bella schivata di Zanotti sul crochet destro di Di Gangi

Pesi superwelter: Pati (BSA Pavia) batte Magnani (Virtus La Spezia) per squalifica al 3° round. Troppe ne combina il pugile spezzino che si abbassa spesso con la testa e colpisce sempre a mano aperta. La squalifica arriva giusta e puntuale.

Pesi welter: Landi (Pug. Massese) batte Maoddi (Boxe Colorno) ai punti. Più potente e aggressivo il toscano non fatica ad imporsi costringendo anche l'arbitro a contare l'avversario in un paio di occasioni. Senza problemi il suo successo.

Pesi leggeri: Bocchi (AB Viadana) e Galatà (Boxe Savignano) pari. Due buoni pugili dalle caratteristiche diverse. Bocchi fatica non poco ad entrare nella guardia del longilineo avversario che replica ad ogni suo attacco e solo nel finale accusa un po' di stanchezza che permette all'arrembante Bocchi di agguantare la parità.

Pesi Medi: Nickolskyi (AB Viadana) batte ai punti Colombo (Boxe Mantova). Derby molto sentito, ma il russo di Viadana ribadisce la propria superiorità anche se stavolta Colombo ha finito più vicino nel punteggio rispetto alle precedenti due occasioni. Yuri ha probabilmente risentito dell'emoziobe di combattere in caso enon ha reso al meglio.



Nickolskji vincitore ai punti per la terza volta di Colombo


Pesi superwelter: Riccio (Bergamo Boxe) batte Di Cesare (Boxe Colorno) ai punti. Risultato un po' a sorpresa. Di Cesare sembra prevalere nel primo round grazie a colpi d'incontro precisi che frenano l'irruenza di Riccio che cerca costantemente la battaglia ravvicinata e col passare dei minuti si rende sempre più pericoloso tanto che nel ronf finale Di Cesare è costretto a difendersi usando il mestiere e la sua lunga esperienza.

Pesi superwelter: Massimo Avosani (AB Viadana) batte Agosti (Boxe Bergamo) ai punti. Incontro spettacolare come sempre quando c'è Avosani sul quadrato. Agosti gli risponde bene nelle prime due riprese, ma poi accusa il ritmo imposto all'incontro da Avosani che accumula in discreto vantaggio soprattutto enlla quarta ripresa.

Pesi superwelter: Zampedri (Boxe Mantova) batte Bacci (Carrarese) ai punti. Match intenso, ma caotico con entrambi alla ricerca del colpo risolutore che però non arriva e, alla fine Zampedri ribadisce il successo ottenuto due mesi fa a Mantova sullo stesso avversario.


 

 

E' la quarta sconfitta consecutiva per il superwelter cremasco

Perde di poco Ben Lelly in Svizzera



Ben Lelly ( a sin.) ha ben figurato contro Martinez a Baden ©


Trasferta positiva anche se purtroppo ha dovuto incassare una sconfitta, per il superwelter cremasco Ben Lelly al suo 13° incontro da profesionista. L'allievo di Bonizzoni ha combattuto sabato 6 giugno sul ring della Aue Sporthalle di Baden, in Svizzera rimediando una sconfitta ai punti di strettissima misura davanti all'imbattuto idolo locale Blas Miguel Martinez che, per contro vanta otto soli incontri all'attivo, ma tutti vittoriosi, di cui tre per Ko. Ben Lelly è stato senza dubbio il più pericoloso tra gli avversari fin qui incontrati dal boxeur spagnolo che è classificato al quarto posso nelle graduatorie spagnole.

E' stato un match molto equilibrato che, disputato in Italia, avrebbe probabilmente avuto un esito diverso. I tre giudici, tutti svizzeri, infatti, hanno visto vincente lo spagnolo coi punteggi di 77-75 (Fabian Guggheneim), 77-76 (Domenico Gottardi) e 77-75 (Thomas Zimmermann).


Per ritornare alla prima pagina de
"Il Vascello" cliccate sulla testata qui sotto



La pagina è aggiornata alle ore 12:54:20
di Mer, 29 lug 2009